DEVON E DORSET: TRA PARCHI NATURALI E UN SITO PATRIMONIO UNESCO

Shares

Questo viaggio doveva essere semplicemente un on the road in Devon e Cornovaglia. Poi leggendo, navigando su internet e ammirando foto, ho scoperto la Jurassic Coast. Così il nostro road trip ha dovuto necessariamente includere anche un pezzo della regione britannica del Dorset!

DEVON E DORSET: TRA PARCHI NATURALI E UN SITO PATRIMONIO UNESCO

Eh sì, perche la Jurassic Coast – ovvero il primo sito britannico ad essere iscritto nella lista dei Patrimoni UNESCO – si trova proprio tra il Devon ed il Dorset.

Anche se non avete mai sentito il termine “Jurassic Coast” probabilmente vi siete imbattuti in qualche immagine mozzafiato dei suoi paesaggi: Llulworth Cove, Ladram Bay e Durdle Door per citarne alcuni. Io stessa inizialmente mi sono interessata alla zona per questi panorami. Ma la costa tra Exmouth e Studland Bay  è anche di importanza mondiale per le scienze della terra. Qui sono stratificati 185 milioni di anni di storia terrestre e registrate perfettamente nella roccia le diverse ere del triassico, del giurassico e del cretaceo.

JURASSIC COAST: IL PARADISO DEI PALEONTOLOGI

Questo tratto di costa è il paradiso dei paleontologi e dei bambini, perchè ospita fossili di dinosauri, diverse specie animali e vegetali. In alcuni punti può persino capitare di riuscire a trovare dei fossili sulla spiaggia. In ogni caso la cosa migliore per vederli è visitare i musei locali, in primis il Dorset County Museum, o partecipare ad un tour guidato con le guide del posto.

Una mappa e mini guida che io ho trovato utilissima la trovate qui se volete approfondire la vostra conoscenza della Jurassic Coast.

La nostra esperienza con questo tratto di costa è stata piuttosto limitata perchè si è trattato di una deviazione che ho voluto fare alle nostre mete principali, ovvero il Devon Occidentale e la Cornovaglia. Ci siamo comunque potuti fare un’idea. Sebbene poco conosciuta dagli italiani, la Jurassic Coast è molto gettonata dagli inglesi, soprattutto quando siamo andati noi in agosto.

LADRAN BAY

Ci scontreremo con questa dura realtà a Ladran Bay, che raggiungiamo in poco tempo partendo da Exeter. Questo è stato il posto più affollato di tutta la nostra vacanza. Intanto dovete sapere che si arriva dall’alto, nel punto in cui si trova un parcheggio e camping. Giunti qui, chi non sosta la notte nel camping resort deve comunque parcheggiare, pagando tra i 5 e 10 £ a seconda del mezzo, e scendere a piedi.

Inoltre, quando siamo andati noi c’era la fila già per entrare nel parcheggio e poi un posteggiatore ne gestiva l’accesso contingentato. Per ogni macchina/camper che usciva ne poteva entrare uno. Sarà per questo, sarà per la fila che abbiamo fatto anche al ritorno – quando nella stretta strada di accesso un caravan con rimorchio si è incastrato bloccando tutto il traffico – ma ci è passata un po’ di poesia. Eppure la baia con lo sperone roccioso nel mare è sicuramente incantevole.

BRANSCOMBE E BEER: TRA SENTIERI PANORAMICI E PUB

Usciti – finalmente! – da Ladram Bay, ci dirigiamo verso Branscombe. Qui la situazione è decisamente più tranquilla. Pranziamo al pittoresco (meriterebbe una visita solo per il suo aspetto) e ottimo Mason Arms, tra i migliori Fish&Chips mai gustati in UK. Dopo pranzo ci dedichiamo a passeggiare nei prati e sulle alture circostanti, che regalano stupende vedute della costa. A seguire percorriamo il magnifico sentiero costiero che in due miglia arriva fino a Beer e la sua insenatura.

Le ultime magnifiche tappe della nostra visita alla Jurassic Coast saranno Durdle door e Llulworth Cove (già nel Dorset), dove passeggiamo e scattiamo bellissime foto. Poi, dopo un ultimo Cream tea, ci dirigiamo verso Southampton per il nostro ultimo pernottamento. 

LA “MARINARA” SOUTHAMPTON

Southampton, si trova a meno di un’ora e mezza da London Gatwick, dove abbiamo il nostro volo di rientro il pomeriggio successivo. Optiamo per l’Ibis Budget, alle porte del centro cittadino. Non è certo charmant ma è il pernottamento più economico di tutta la vacanza: solo 74 £, incluso il parcheggio ed il lettino per Laura. Southampton è una cittadina marinara gradevole, circondata da mura che racchiudono il suo centro storico, ma non eccezionale rispetto ai posti visitati nel resto del viaggio.

Il nostro viaggio, infatti, è iniziato dieci giorni prima toccando la Cornovaglia e altre tappe in Devon. E cominciamo proprio dal Devon.

 

EXMOOR NATIONAL PARK

Dopo una prima tappa per spezzare il viaggio a Bristol, il nostro viaggio in Cornovaglia, Devon e Dorset inizia con il parco naturale di Exmoor. Giungiamo qui nel primo pomeriggio dopo un acquazzone e ci accolgono mucche, vividi colore ed uno sgargiante arcobaleno.

Il paesaggio è talmente fuori dal tempo da essere quasi surreale, di una bellezza ed una poesia surreali. Iniziamo attraversando distese di brughiera al ritmo molto slow del passo delle mucche al pascolo, lungo la strada.

DUNSTER ED IL CREAM TEA

Con molta calma proseguiamo godendoci il panorama ed il primo paesino che incontriamo è Dunster. Si tratta di un villaggio medievale molto carino. Qui vi consigliamo di ammirare il mercato della lana e l’antico castello. E poi, non dovete assolutamente perdere la graziosa Locks Victorian Tea rooms and garden. E’ una tea room davvero incantevole con dehor nel cortile pieno di piante. sarà qui che faremo la nostra prima conoscenza con il Cream tea. L’esperienza è stata così folgorante che ve ne parlo dettagliatamente qui!

Un’altra mezz’ora di piacevolissima strada tra prati, boschi, mucche e pecore e arriviamo a Porlock.

PORLOCK

Alloggiamo al The Culbone: un bel ristorante e B&B con camere. Si trovava immerso nella campagna intorno a Porlock. Al momento, però, vi segnaliamo che il posto è chiuso per lavori di ristrutturazione. Quindi vi consiglio di dare un’occhiata alle molte altre strutture carine a Porlock: ad esempio nell’elenco dei primi 10 in classifica su Tripadvisor.

Proseguiamo l’indomani, all’interno dell’Exmoor National Park, lungo la strada panoramica che passa da Lynton.

MORTEHOE

Sorpassata Lynton ci fermiamo a fare una piacevole passeggiata ultra panoramica, lasciando l’auto nel grazioso villaggio di Mortehoe, sovrastante il mare. Il cammino non è adatto al passeggino quindi usiamo il nostro marsupio, che si rivelerà fondamentale e strategico in questa vacanza. Lo usiamo io e papà alternandoci: per il peso di una bimba sotto l’anno è perfetto e portabilissimo. Certo dall’anno e mezzo consigliamo di passare allo zaino, che distribuisce meglio il peso ed è meno faticoso per i genitori e più comodo per i bimbi. Dopo i bei panorami con prati scoscesi a picco sul mare, ci ristoriamo in un pub di Mortehoe, con un originale panino al granchio.

Il nostro itinerario prosegue poi in Cornovaglia, facendo tappa a Porthleven e poi esplorando le sue coste suggestive.

SOUTH DEVON: IMMERSI NEL DARTMOOT NATIONAL PARK

Dopo questa parentesi marina torniamo nella countryside inglese, rientrando nel Devon. Tuttavia questa volta ne attraversiamo la parte meridionale, tagliando il Dartoor National Park per arrivare a Exeter.

Segnaliamo che, provenendo dalla Cornovaglia, prima di entrare nel parco potreste fare una deviazione per visitare un’attrazione molto famosa e che può veramente valere la sosta con bambini non troppo piccoli: l’Eden Project. La visita si rivelerà sicuramente interessante se siete appassionati di botanica Si tratta delle serre più grandi al mondo, per toccare con mano la biodiversità dell’intero pianeta. Contiene piante, alberi e curiosità botaniche provenienti da ogni ecosistema terrestre. Noi abbiamo preferito rimandare la visita perchè viaggiavamo con una neonato di 8 mesi.

TRA BRANCHI DI PONY, TOR E ANTICHI VILLAGGI

Per entrare nel cuore del parco prendiamo la strada che parte da Tavistock, dove ci fermiamo a mangiare un boccone ed ammirare il Pannier Market, nel centro cittadino. Poi prendiamo la strada BB357 per Princetown. Presto incontreremo le famose alture di granito che interrompono la monotonia dei verdi prati di Dartmoor: è il paesaggio della famosa brughiera inglese Le Tor più alte sono molto suggestive. Seguendo alcuni sentieri vi si può arrivare proprio sotto. Così faremo anche noi, nonostante la pioggia improvvisa!

Sia in questa parte, che intorno a Widecombe-in-the-Moor, avvistiamo branchi di pony che vivono nel parco allo stato selvaggio. Sono di tutti i colori e poco impauriti, è davvero bello osservarli e fotografarsi con loro.

Percorriamo la strada principale fino a Postbridge, dove ammiriamo il ponte settecentesco sopra il fiume Dart. Poi di lì deviamo verso Widecombe-in-the-Moor, per ammirare questo piccolo e pittoresco villaggio con la sua chiesetta medievale, con la croce celtica nel prato che la circonda, insieme ad un piccolissimo cimitero con tombe antiche. Ne approfittiamo anche per un’altra merenda a base di Cream Tea!.

Poi giungiamo fino a Bovey Tracey e di lì usciamo dal parco per immetterci nell’autostrada che ci porterà verso Exeter.

Qui puoi proseguire la scoperta del Devon con neonata insieme a noi.

 

 SE TI E’ PIACIUTO QUESTO POST CONDIVIDILO!

Shares

18 risposte

  1. Ho visto l’immagine di copertina e mi sono detta..wow.. complimenti per le foto e l’articolo. I posti che hai visitati sono davvero affascinanti, spero di poterli vedere anche io..prima o poi.

  2. Mi sono emozionata a leggere questo articolo! Le foto sono stupende, così come l’itinerario che avete fatto. Anche io da tempo meditavo di andare in Devon e Cornovaglia, ma non avevo mai sentito della Jurassic Coast! Devo assolutamente includerla! Sicuramente prenderò spunto dal tuo viaggio quando riuscirò a organizzare tutto! <3

  3. Amo la campagna inglese e il Devon mi ha sempre attirato, appena ci andrò mi sa che seguirò il tuo consiglio e lo unirò al Dorset. 😉

  4. Leggere post sul Devon mi fa tornare alla mente immediatamente certi romanzi di Agatha Christie, e tante bellissime suggestioni! Amo questo tuo articolo e amo le bellissime foto!

  5. Questi posti sono davvero di una bellezza indredibile, il Devon poi mi ricorda alcuni romanzi di Agatha Christie. Il cream tea assolutamente da provare, gli inglesi sono specializzati in bombe caloriche 😀 😀

  6. Con i racconti di questo tuo viaggio sto scoprendo un mondo nuovo: una destinazione che non avevo mai preso in considerazione, ma che guardando le tue foto mi piace moltissimo e si avvicina alla tipologia di paesaggi e di viaggi che io adoro.

  7. Che dire? Il viaggio che sogno ❤️ Hai fatto delle foto troppo belle! E mi hai invogliato a programmare un viaggio da quelle parti, che – pur essendo stata in Inghilterra – non ho mai visto

  8. Ma questi sono dei parchi e dei villaggi da Sogno! Natura incontaminata, 185 milioni di anni storia e anche una fauna ricchissima. Non ne avevo mai sentito parlare! Grazie per questi racconti incredibili. Spero veramente di poterci andare prima o poi, anche perché non mi aspettavo tanta bellezza da queste parti! Grazie per averne parlato 🙂

  9. Come mi piace questo post, io adoro la Gran Bretagna! Lo scorso hanno ho girato un bel po’ di Galles ma ho saltato la Jurassic Coast perché avevamo poco tempo e la voglio fare con calma. Questo post mi conferma che ho fatto proprio bene!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *