Toronto e le cascate del Niagara con bambini

Shares

Toronto e le cascate del Niagara sono state l’ultima tappa del nostro mitico itinerario in Canada on the road dell’estate scorsa. Come non concludere degnamente il viaggio con una delle 7 meraviglie del mondo?!

Siamo arrivati a Toronto da Vancouver, con un volo WestJet, compagnia low cost su cui non ho nulla da eccepire per la qualità del servizio. Per via del fuso orario spostato in avanti di 3 ore, arriviamo quando è già sera a Toronto. Affrontiamo un dedalo di scale, ascensori e passerelle che ci conducono fino alla stazione del treno Union Pearson Express che porta a Toronto downtown. L’aeroporto offre un servizio di personale di assistenza che, praticamente, in caso di necessità ti scorta direttamente dove devi andare. Fantastico!

Dalla stazione, grazie ad un paio di fermate di metro arriviamo nei pressi del nostro hotel.

DOVE DORMIRE A TORONTO

Abbiamo prenotato 3 notti al Double Tree by Hilton Toronto downtown. Le motivazioni?

Intanto Hilton è una catena con cui nel mondo abbiamo sempre avuto esperienze positive, con un buon rapporto qualità/prezzo. Inoltre questo hotel aveva una posizione molto favorevole. Vicino ad una fermata della metro, in una zona centrale e commerciale a poca distanza a piedi da Chinatown, dalla Art Gallery of Ontario e dalla stazione degli autobus per Niagara! Dispone anche di piscina coperta, un buon modo di stemperare la stanchezza e far divertire Laura a fine giornata. Optiamo per la tariffa senza colazione, intorno vi sono moltissimi café, Starbucks e supermercati dove poter rimediare una colazione soddisfacente.

IMPERDIBILE UNA CENA A CHINATOWN

Fin dalla prima sera ci dirigiamo senza esitazione a Chinatown per la cena. Dal nostro viaggio in Australia, infatti, abbiamo riscoperto la cucina cinese. Quella più autentica nei Paesi dove c’è una forte presenza di questa comunità, con cibo ben diverso da quello standard che si trova nei ristoranti cinesi italiani!

I nostri piatti preferiti? I ravioli al vapore, i noodles, le verdure in salsa di soia…cose semplici, molto più vicine alla nostra cultura culinaria di quanto si possa pensare.

Una passeggiata di circa 12 minuti ci aumenta l’appetito. Arriviamo a colpo sicuro al Dumpling House Restaurant, dove il proprietario ci dice che siamo fortunati perchè a quell’ora (le 21.00 circa) si sono liberati un paio di tavoli. Su Tripadvisor è il n. 51 su quasi 7000 ristoranti a Toronto. Dopo la prova confermiamo la bontà dei piatti. Inoltre, quando riceverete il conto apprezzerete ancora di più! Impossibile cenare così bene a queste cifre a Toronto in un ristorante non cinese. Presi dall’entusiasmo ordiniamo un po’ di tutto e le nostre pance alla fine sono strapiene e molto soddisfatte!

COSA VEDERE A TORONTO IN 1 GIORNO

ST. LAWRENCE MARKET

Al mattino, con una bella passeggiata dall’hotel ci dirigiamo a piedi verso St. Lawrence Market. Il paradiso dei gourmet e un’ottima tappa per il pranzo. Passiamo dal Toronto City Hall, il municipio attuale, e dall’Old City Hall, esteticamente più appagante. Poi attraversiamo un quartiere moderno dagli interessanti grattacieli, ma al contempo intervallato da graziosi piccoli parchi e giardini. Una volta giunti al mercato vaghiamo per i suoi due immensi piani. C’è veramente di tutto e per accontentare tutti i gusti!

Per Laura troviamo un ottimo prosciutto non speziato da mettere nel suo morbido pane appena fatto ed un bel lecca lecca gigante tutto colorato. Il mio maritino adocchia subito un bel panino caldo con bacon arrosto. Io opterò per un panino con pomodoro, pollo al curry e salse. E poi delle belle bancarelle di frutta, che non guasta mai! Notiamo, ma ormai senza aver più fame, un bel locale che fa specialità di pesce, take-away o seduti. Da profumo e dalla fila di gente appostata direi che merita una prova, se amate il genere! Nel link al sito del mercato trovate anche gli orari di apertura. Ad esempio tenete conto che il lunedì è chiuso!

LA CN TOWER…SE C’è FILA ANCHE NO!

Sazi, ci dirigiamo a questo punto verso la famosa CN Tower, che anche la Lonely Planet definisce imperdibile. E’ comodamente raggiungibile a piedi da St. Lawrence Market. L’unica cosa, vi suggerisco di passare da Gardiner Expy, perchè noi tenendoci sulla strada più interna abbiamo avuto un po’ di difficoltà a trovare l’ascensore ed il sottopasso per arrivare all’entrata principale.

All’ingresso la torre si presenta di forte impatto per la sua considerevole altezza. Con i biglietti acquistati online saltiamo la poca fila che si presenta prima delle biglietterie. Ma il brutto viene dopo!!! Una fiumana di gente si snoda a serpentina per l’ampio spazio interno centrale, per una coda della quale non si riesce a percepire la fine, e quindi neanche la tempistica! Del resto la salita è affidata a due soli ascensori. In totale noi stiamo in coda circa 2 h con la povera Laura, se lo avessi saputo prima credo che avremmo rinunciato.

Vi sono due piani una volta saliti, uno con accesso esterno, ma con una griglia protettiva talmente fitta che rovina sia le foto che la suggestione del panorama. Dall’interno vista migliore, ma non eccelsa. Le vetrate, infatti, sono in parte oscuranti. Le cose migliori sono la salita vertiginosa nell’ascensore trasparente ed il piano panoramico trasparente sul pavimento. Un rettangolino dal quale si può guardare il panorama sottostante. I vostri bimbi vi si potranno sdraiare come ha fatto Laura!

PER EVITARE LA FILA

Se proprio siete irriducibili per la visita alla torre, vi consiglio di valutare il pranzo o la cena sul ristorante girevole della torre. Il 360 Restaurant: una prenotazione qui, infatti, consente di evitare la coda per gli ascensori. I prezzi non sono certo “cheap”, ma pensavo peggio, soprattutto a pranzo! E poi risparmiereste anche i biglietti di entrata…

ALTRI SUGGERIMENTI CHILD FRIENDLY

A torre vista devo dire che avrei rinunciato al 100% per visitare alternative più appaganti. Senza considerare il costo di ben 39 $ canadesi a persona (bimbi fino a 4 anni gratuiti, poi ridotto). Sicuramente a Toronto non mancano! Ecco alcune idee non viste direttamente, ma suggerite da una collega e mamma di Toronto, grazie Isabel!

Una bella passeggiata lungo il quartiere chiamato “The Beaches”: sembra mare, ma si tratta delle spiagge affacciate sul vasto Lake Ontario, con belle casette variopinte e molte aree verdi. Qui potrete vedere anche gli “Inukshuks”, piccoli manufatti di pietre impilate, tipici del popolo Inuit. Come arrivare? Prendete la linea verde della metropolitana fino a Main Street e poi bus n. 64 che va a sud fino a Queen St. Da li sono pochi passi a piedi. Oppure considerate una visita con i vostri bambini all’Ontario Science Centre. Qui ci sono molte mostre interattive per i bambini. Basterà consultare il loro calendario online per scoprire le iniziative in corso. Inoltre non trascurate la loro “KidSparkArea”.

Un suggerimento che siamo riusciti a mettere in pratica, invece, è stata la merenda a base di “Maple Donut”: il donut con sciroppo d’acero (prodotto tipico canadese). Potete facilmente trovarli da Tim Hortons, diffusissima catena di cafè canadese. Oppure, se siete fortunati, in qualche piccolo caffè meno standardizzato. Infine, un altro suggerimento culinario della mia amica: la catena child friendly Swiss Chalet, la cui specialità pare essere il pollo arrosto.

Completiamo la nostra passeggiata scendendo anche nella città sotterranea. Km di gallerie e shopping center che collegano direttamente uffici, palazzi con la metropolitana. Essendo estate, molti esercizi commerciali sono chiusi, ma d’inverno questa è una seconda Toronto vera e propria. Molte persone vanno a lavorare e a fine giornata fanno la spesa senza nemmeno avventurasi fuori! Del resto la temperatura qui scende anche a – 20 d’inverno!

Concludiamo la nostra giornata rilassandoci nella piscina dell’hotel. Poi un’altra cena al nostro ristorante preferito di Chinatown. Infine una birretta nel bel Village Idiot pub, proprio di fronte all’Art Gallery of Ontario, con un vastissimo assortimento di birre.

VISITA ALLE NIAGARA FALLS PARTENDO DA TORONTO
COME RAGGIUNGERE NIAGARA FALLS DA TORONTO DOWNTOWN

Se non avete l’auto, il modo migliore per arrivare a Niagara è tramite il servizio bus di Greyhound. Tempo di percorrenza 1h30 minuti. La nostra esperienza con questa compagnia di trasporto è stata impeccabile! I biglietti si possono acquistare prima sul loro sito, a prezzi molto convenienti. Anche alla biglietteria della stazione ovviamente, ma in caso di alta stagione a vostro rischio e pericolo di non trovare più posto! La stazione di partenza, il Toronto Coach Terminal, si trova in Bay Street. Siamo stati molto fortunati perchè il nostro hotel si trovava esattamente a 5 minuti a piedi da lì!

L’unico accorgimento è quello di rispettare i tempi indicati sul biglietto, quindi di presentarvi in stazione con l’anticipo richiesto. A me sembrava un tempo esagerato, ma il nostro bus una volta riempito è partito anche se era in anticipo!

Dunque partendo alle 8.50 prima delle 10.20 scendiamo a Niagara. Qui scopriamo che per arrivare proprio alle Falls bisogna prendere un bus urbano. O in alternativa fare almeno 15-20 minuti a piedi. Noi decidiamo di risparmiare le forze per dopo. Facciamo il biglietto nel piccolo punto vendita in loco e saliamo sul bus, nel frattempo già arrivato (gli orari sono molto frequenti). Il bus ci lascia proprio di fronte al Niagara Falls Visitor Centre e alla bella passeggiata che costeggia le Falls dall’alto.

Appena scesi avvertiamo il rumore possente delle cascate! Ci avviciniamo subito per ammirarle. Ben presto avvertiamo anche le goccioline d’acqua sulla nostra pelle, sebbene le cascate siano ancora lontane! Avvicinarsi alle Cascate del Niagara per osservarle la prima volta è stata una di quelle emozioni che non si dimenticano. In altre parole, non deludono! La potenza, il fragore, quella quantità di acqua azzurra…da non stancarsi mai di guardare e ascoltare! Ecco un assaggio nel video…

[tg_youtube width=”860″ height=”540″ video_id=”Omfhl0EUe8w”]

Se siete alla ricerca di altre meraviglie della natura da non perdere in Canada, leggete il nostro post sulle cascate e i laghi più belli dello Yoho e del Banff National Parks!

IL NOSTRO CONSIGLIO: IL “FULL MIST”

Dopo aver goduto della vista e fatto tanti scatti e riprese, camminiamo per la bella passeggiata che le costeggia e accompagna alle tante attrazioni disponibili. Ci si può addirittura calare legati ad una fune in discesa e lasciar scivolare verso le le cascate e ritorno! Noi non siamo amanti delle file e delle attrazioni ad ogni costo, per cui ne abbiamo scelta una sola, che ci è sembrata tra le più child friendly: il Voyage to the Falls Full Mist! E’ forse il modo per avvicinarsi di più alle cascate: un battello vi condurrà paurosamente sotto di esse!

L’escursione è prenotabile online sul sito di Niagara Cruises, cosa che in alta stagione consigliamo sempre. Noi l’avevamo fatto il giorno prima grazie al wi-fi dell’hotel! Avere i biglietti online consente di saltare una prima coda alla biglietteria, poi vi è l’altra per imbarcarsi, ma scorre molto veloce. Ci è parso fosse l’escursione con meno coda di tutte quelle disponibili a Niagara Falls – dove vi assicuro che la gente non mancava in agosto…Mai una calca fastidiosa, ma pur sempre tanta.

E’ bello cambiare punto di vista e osservare le cascate anche dal basso, arrivarvi proprio sotto ed essere inondati dalla pioggerellina prodotta dalla loro incredibile gettata d’acqua…sembra quasi di poterle toccare! Verrete muniti di impermeabile di plastica, consigliamo comunque di vestirvi adeguatamente e indossare un k-way. Nel video qui sotto il nostro resoconto dopo il bagno di “full mist”!

[tg_youtube width=”860″ height=”540″ video_id=”FgIvK-CkpwE”]

ALTRE ATTRAZIONI E NIAGARA FALLS PASS 

Se, però, siete amanti delle attrazioni e volete farne altre, vi consigliamo di valutare il Niagara Falls Adventure pass. Ce ne sono di vari tipi e tutti comprendono anche il pass giornaliero sull’autobus che dalla stazione porta a Niagara Falls e viceversa: li trovate sul sito di Niagara Parks.

LA SKYLON TOWER

Per non farci mancare nessun punto di osservazione delle cascate abbiamo deciso di pranzare sulla Skylon Tower, nel ristorante girevole a 360°. Premetto che la torre esteticamente è piuttosto orrenda, come tanti altri grattacieli che sono un pò uno scempio edilizio rispetto alla bel paesaggio verde di Niagara Falls. Eppure ormai la torre c’è, e da diversi decenni, come tanti altri hotel, etc. A questo punto ci siamo detti che poteva valere la pena per la visuale. Così in alto, infatti, le cascate sono molto scenografiche e si ha una vasta visione d’insieme sul lato canadese, quello americano e sul Niagara River.

Non ci sono code, fortunatamente, per salire su questa torre con l’ascensore panoramico. Noi, comunque, optiamo per la prenotazione al ristorante girevole. Così ci possiamo rilassare un po’ dopo la visita e godere a lungo della vista. La terrazza panoramica (chiusa, ma con vetrate molto ampie), infatti, compie molto lentamente un giro a 360° sul panorama circostante. Impiega un’intera ora per un giro completo.

DOVE MANGIARE A NIAGARA: UN POSTO PER GRANDI E PICCINI

Un pasto nella Revolving Dining Room della torre vi consentirà di accedere gratuitamente all’ascensore e a tutte le piattaforme panoramiche esterne. Accedendo al sito potrete volendo prenotare anche online. Tra l’altro, segnalo che è stato il miglior pasto canadese (esclusa quindi la cucina asiatica) della nostra vacanza. Il ristorante è abbastanza caro, ma con menu abbordabile soprattutto a pranzo e poi la cura dei piatti, l’atmosfera e la vista che offre lo rendono quasi un “affare” per la media dei prezzi dei ristoranti canadesi.

In breve, un’esperienza che merita per il panorama che vi abbiamo detto. Anche qui vi è una rete di protezione sulla piattaforma esterna, ma a maglie molto più larghe. Non rovina, quindi, l’emozione del panorama e consente anche di fare delle belle foto.

L’esperienza grazie all’ascensore, alla piattaforma girevole, al children menu dedicato, piacerà di sicuro ai vostri bambini! Per non dimenticare l’immensa sala giochi (in gran stile americano) al piano terra…offre di tutto, noi, non so come, ce la siamo cavata con solo un giro su una mini moto!

SULLA VIA DEL RITORNO PER TORONTO

A questo punto soddisfatti torniamo verso le Falls. Ci concediamo una siesta in mezzo ad un bel prato, allietati da una bella festa brasiliana con tanto di musica e costumi. Poi arriviamo in bus fino alla stazione dei pullman e dei treni, un’ultima sosta in un parco giochi avvistato da Laura – che sembra possedere un radar per trovarli! – e poi ci accingiamo ad attendere il nostro treno. Infatti, spinta dalla curiosità, avevo deciso di prenotare, per il ritorno, uno dei pochi treni diretti presenti giornalmente da Niagara per Toronto Union Station di VIA Rail Canada.

Si tratta di un servizio disponibile solo stagionalmente. Sono un’amante dei viaggi in treno, e poi mi sembrava un bel modo per osservare il panorama di questa bella regione. Purtroppo, però, contrariamente ad ogni aspettativa, questo treno canadese si rivela più in ritardo dei nostri italiani! Arriverà ripartirà con un’ora abbondante di ritardo! Dalla reazione dei canadesi a bordo non sembra un evento così eccezionale. Per cui il nostro consiglio è di tornare assolutamente in pullman anche al ritorno. Soluzione, per altro, molto più economica! Sono circa 13 dollari canadesi per adulto contro i 47 dollari del treno!

ULTIMA MATTINA A TORONTO, ARRIVEDERCI CANADA!

Il nostro ultimo mattino in Canada è un po’ all’insegna della sfortuna perchè non calcoliamo che è lunedi! Quindi sia il mercato di St. Lawrence – dove saremmo tornati volentieri a pranzare – sia l’Ontario Art Gallery, sono chiusi. Potendo, comunque, sono mete che vi consigliamo. Ce la prendiamo, quindi, più con calma nel prepararci per il nostro volo del pomeriggio. Poi, agevolmente come all’andata, grazie a metro e al treno veloce, giungiamo all’aeroporto internazionale di Toronto. Pronti per il nostro volo KLM, che ci condurrà prima ad Amsterdam e poi di lì alla coincidenza per Genova. Qui arriveremo l’indomani mattina ora locale. Pronti per dire non addio, ma arrivederci al Canada: con già una voglia matta di ritornare!

Per vedere il nostro itinerario completo 15 giorni in Canada on the road – con pargola – ecco il post!

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo!

Shares

5 risposte

  1. Sono appena stata a Toronto e mi è piaciuta tantissimo! Le cascate invece sono state un po’ una delusione: sono belle ma non le ho trovate così impressionanti e poi sono state trasformate in un parco divertimenti ?
    Comunque, già che ero lì, ho fatto tutto: battello, cena sulla Skylon Tower e persino lo Zipline nonostante soffra di vertigini!

    1. Sì l’impostazione è da las vegas…però a me l’atmosfera delle cascate ha colpito ugualmente per la loro possenza! Forse siamo stati fortunati e non c’era neanche tantissima gente in giro o fila per il battello…Lo Zipline l’ho visto, ma con i bimbi abbiamo passato 😉 😉

  2. Io non ci sono mai stata e vedere la prima foto con le cascate mi ha catturato la vista… chissà che emozione vedere queste bellezze naturali! Comunque mi tengo i tuoi consigli di viaggio, e complimenti per le foto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *