VISITARE EXETER CON BAMBINI

Shares

COSA VEDERE, DOVE MANGIARE E  DOVE DORMIRE

Iniziamo col dirvi che se avete pensato di visitare Exeter – capitale spirituale e amministrativa del Devon – avete fatto un’ottima scelta. Merita assolutamente la visita ed è ideale per i bambini. A misura d’uomo, è un’importante città inglese, ma non è una metropoli. Offre molte possibilità di alloggio, sia in centro, sia nella sua verde campagna circostante. Noi vi suggeriamo quest’ultima soluzione, più interessante per i vostri bimbi.

Potreste ad esempio alloggiare in un B&B (l’Inghilterra del resto è famosa per la qualità dei suoi B&B) che è anche una fattoria piena di animali, come abbiamo fatto noi! Nel paragrafo sotto trovate tutti i dettagli sulla nostra sistemazione.

Le opzioni sono davvero tante. In ogni caso, secondo noi, è imperdibile una visita alla cattedrale, una passeggiata lungo i canali della città ed una visita all’asta dei capi di bestiame.

COSE DA FARE CON I VOSTRI BAMBINI A EXETER

L’ASTA DEL BESTIAME

L’asta si trova in un gradissimo padiglione con una miriade di piccole sale, una per ciascun tipo di capo di bestiame: maiali, pecore, mucche, tori, cavalli, pony, capre, pollame…Ai vostri bimbi non sembrerà vero! Provate ad entrare in qualche sala ed assisterete ad una vera e propria messa all’asta con un linguaggio che, vi assicuro, pur avendo lavorato e vissuto un anno a Londra, ha messo a dura prova il mio inglese! L’esperienza del mercato del bestiame si rivelerà più unica che rara e sarà utile per capire meglio la natura di Exeter una città nel cuore del Devon, una regione dal paesaggio e dall’animo prevalentemente rurale. Del resto anche le belle colline intorno a Exeter sono territorio prettamente agricolo.

LA CATTEDRALE DI EXETER

La Cattedrale di St Peter è l’antico fulcro cittadino, luogo di culto dal V secolo, nella su forma attuale venne iniziata nel 1114. Neanche un secolo dopo subì un rimodellamento delle sue forme in senso gotico. All’interno ospita la più lunga ininterrotta (e ancora intatta) volta gotica al mondo. Vi consigliamo anche il tour guidato del tetto della cattedrale, per ammirare dall’alto la città e per le sculture gotiche della cattedrale, mostri e figure una diversa dall’altra.

Ancora più originale il tour dei sotterranei che costituivano l’antico acquedotto della città. Infatti Exeter possiede una rete molto estesa di gallerie, dove però noi optiamo per non avventurarci con la piccolissima Laura (di 10 mesi). Se i vostri bimbi sono un po’ più grandi, invece, potrebbe essere un’esperienza molto eccitante per loro!

IL QUAY SIDE

Molto suggestivo è il Quay side di Exeter, ovvero la zona fronte il fiume Exe. E’ molto piacevole per passeggiare, circondata com’è da localini e negozi per lo shopping. Inoltre vi è la possibilità di percorrerla in bici o direttamente sull’acqua in Kayak o con una gita in barca. Per attraversare semplicemente il fiume rivolgetevi al comandante del Butt’s Ferry, che per 30 pence vi traghetterà dall’altra parte. In estate il Visitor Centre offre anche tour guidati gratuiti.

DOVE MANGIARE A EXETER CON BIMBI

Potrete poi prendere una birra o fare tappa per uno spuntino al bel pub affacciato sul Quay, The Prospect Inn. Per merenda siete pronti per un ottimo Cream Tea? Scoprite qui tutto quello che c’è da sapere sul cream Tea!

La sera ceniamo in un locale consigliatoci dalla proprietaria del B&B, sempre nel quartiere di Rockbeare, il Jack in the Green. Fuori è a tutti gli effetti un pub, ma all’interno l’atmosfera è molto più elegante, con tanto di camerieri che ti tolgono il soprabito, saletta d’attesa dove gustare un aperitivo offerto dalla casa in attesa del tavolo e bicchieri da vino sulla tavola apparecchiata…quasi ci restano male quando ordiniamo della birra.

I nostri piatti, proviamo sia carne che pesce, sono ottimi e preparati con ingredienti freschi. Consigliamo di prenotare perché il locale sembra gettonatissimo dagli abitanti del posto. Del resto risulta al 5 posto tra i 400 ristoranti di Exeter su Tripadvisor.

DOVE DORMIRE A EXETER CON BAMBINI

La scelta del B&B Lower Allecombe Farm, si è rivelata una chicca. L’unica sfida è stata quella di trovare il Lower Allecombe farm tra un dedalo di viuzze e un altro nel quartiere di Rockbeare. Ecco i suoi punti forti:

  • atmosfera è proprio tranquilla e gradevole, in un quartiere agricolo appena fuori dal centro di Exeter;
  • la presenza di una vera e propria farm, con una scuderia, una stalla ed una serra per i prodotti che la proprietaria, insegnante in pensione, coltiva direttamente;
  • La spaziosità degli appartamenti. Il nostro era su due piani e molto spazioso, con ampia cucina – che useremo per Laura, ma anche per noi – e soggiorno;
  • La gentilezza e simpatia della proprietaria e la sua ottima colazione! Per due mattine consumiamo un’ottima English breakfast nella sala da pranzo della signora, insieme ad una coppia spagnola. Gli ingredienti sono di prima scelta e km 0: del resto pomodori e funghetti provengono direttamente dalla sua farm. Il bacon e le uova sono di produzione propria!

Se oltre al Devon, vuoi proseguire il nostro viaggio alla scoperta della Cornovaglia leggi qui.

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo!

Shares

2 risposte

  1. Sarà che adoro l’Inghilterra, ma rivivere questo angolo così pittoresco attraverso le tue descrizioni, mi ha davvero fatto venire una voglia matta di partire. Exeter non faceva parte delle località toccate dal nostro tour in Inghilterra, ma ho sempre desiderato vederla. Mai dire mai. Intanto sogno sulle tue parole ?
    Claudia B.

    1. Bene! Allora il risultato è raggiunto…;) Il Devon è molto rilassante, anche se non si può definire low-cost, come tutta l’Inghilterra! Anche la Jurassic Coast non la conoscevamo prima, ma ha panorami da paura! Anche noi sogniamo di tornare…vado a leggermi il tuo post del tour inglese!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *