Postale dei fiordi: come prenotare e quali fermate fare

Shares

Postale dei fiordi: come prenotare e quali fermate fare. C’è chi lo definisce “il viaggio più bello del mondo”, come recita lo stesso slogan di Hurtigruten. Non ho girato il mondo intero, ma vi dico che vale ogni centesimo speso. Ci tornerei al volo, per vedere la costa della Norvegia con i suoi colori e sfumature, diverse in ogni stagione!

Se anche a voi ispira questa esperienza, sono a dirvi che ne vale davvero la pena e che vorrei aiutarvi. Come? Di seguito cerco di rispondere a tutte le domande su come organizzare il vostro viaggio sul postale dei fiordi! Siete pronti?

Il postale dei fiordi è un modo perfetto per vedere la costa norvegese da Sud a Nord. Parte da Bergen a Sud e arriva fino a Kirkenes, oltre Capo Nord. Il percorso completo dura 11 giorni, c’è persino chi fa andata e ritorno (quindi 22 giorni) e ritorna fino a Bergen.
 
Se vi state chiedendo se si può viaggiare anche da Oslo a Bergen senza auto la risposta è: assolutamente sì! Cambiando mezzo di trasporto, ma godendo di un panorama altrettanto mozzafiato, come vi racconto a proposito del nostro itinerario norvegese completo.
 

POSTALE DEI FIORDI FAI DA TE: COME PRENOTARE

 
Dovete sapere, però, che è possibile compiere anche viaggi più corti sul celebre postale Hurtigruten. Non li troverete in vendita sui portali specializzati in crociere, né tanto meno sul sito Hurtigruten.com, destinato al mercato internazionale.
Dovete andare sul sito hurtigruten.no e scegliere l’opzione “da porto a porto”. Non vi spaventate se il sito è in norvegese! Basterà attivare un traduttore come quello proposto in automatico da Google Chrome! 
i
 

POSTALE DEI FIORDI E CORONAVIRUS

Sempre sul sito Hurtigruten.no (ma traducibile in italiano con Google Chrome, ad esempio), troverete tutte le misure aggiornate che Hurtigruten sta adottando in tempo reale per l’imbarco e una volta a bordo delle sue navi. Questionario sanitario e controlli pre-imbarco, negato imbarco per i prossimi 14 giorni ad alcuni Paesi (verificare elenco), compresi i Comuni italiani delle zone rosse. Sul loro sito appunto tutte le misure aggiornate.

i
 

COME RISPARMIARE per prenotare il postale

 
Quale altro vantaggio permette l’utilizzo del sito in norvegese? Quello di risparmiare un po’ di soldini, perché qui non troverete solo pacchetti pre confezionati, che includono la pensione completa o altri extra. Qui le tariffe sono con solo la colazione inclusa e sceglierete voi sia il tipo di cabina, sia quando e dove salire/scendere.
Essendo il postale dei fiordi un tipo di viaggio bellissimo, ma molto costoso, vi assicuro che questo fattore non è da poco!
i
Noi, ad esempio, abbiamo optato per salire a Bergen e scendere a Tromso (con una sosta con pernottamento sull’isola di Senja aggiunta in un secondo momento). Quattro notti e cinque giorni di navigazione in una cabina quadrupla polar (la categoria base) esterna, quindi con oblò vista mare…Requisito per me tassativo e non me ne pento assolutamente!
Spesa totale in 4, di cui due adulti paganti, una bimba di 5 anni pagante e un bimbo di 20 mesi free: € 1.375.
 
 

LE OFFERTE PER CHI PRENOTA MOLTO PRIMA O LAST MINUTE

 
Si può spendere ancora meno? Assolutamente sì. Noi abbiamo prenotato circa cinque mesi prima, ma ho scoperto che prenotando con oltre un anno di anticipo si risparmia non poco!
i
Ho notato che generalmente il sito Hurtigruten.no offre ottimi sconti per coloro che, entro il 31 marzo, prenotano i viaggi per l’anno successivo, non quello in corso!
Ad esempio prenotare viaggi nel 2021 entro marzo 2020. Io stessa avevo monitorato i prezzi con oltre un anno di anticipo e vi confermo che avremmo risparmiato oltre il 30% su quanto speso in seguito. Poi è successo che i viaggi per l’anno successivo sono stati tolti dalle vendite per alcuni mesi e rimessi online, a prezzi maggiorati, a sei mesi prima della data di partenza.
i
Volete risparmiare ancora? Se potete permettervi il lusso della flessibilità non prenotate ed evitate l’alta stagione. Recatevi all’agenzia Hurtigruten di Bergen 48-24h prima e guardate se ci sono delle offerte last minute…Capita, ma solo quando la nave non è già al completo. Se non spuntate nessuna buona offerta potreste sempre ripiegare sul noleggio auto…
 
Chiaramente questa opzione richiede di non avere i giorni contanti e magari di non viaggiare con bimbi piccoli. Quando viaggio con i bimbi preferisco programmare in anticipo per non avere tempi morti o imprevisti. Per altro il postale dei fiordi è una soluzione ideale con bambini, preferibile all’auto perchè permette di evitare che passino ore seduti in macchina.
i
 

QUALE NAVE SCEGLIERE?

 
Ogni giorno da Bergen parte una nave diversa. Se avete un minimo di margine per scegliere il giorno della partenza, potrete avere il lusso di scegliere con quale nave partire! Noi abbiamo viaggiato su MS Finmarken e non possiamo che parlarvene alla grande! Secondo noi è la nave migliore perché:
i
– è l’unica che ha sia piscina che vasca idromassaggio (e già questo per me basterebbe!);
– con i suoi 8 piani è tra le più grandi della flotta;
– è irresistibilmente elegante con il suo stile Art nouveau;
– offre spazi per bambini e un programma d’intrattenimento per quelli più grandi.
i
A onor del vero siamo saliti anche sulla MS Polarys da Senja a Tromso e ci è piaciuta anche lei, 7 piani da esplorare con ascensori trasparenti. Un gradevole caffè tavola calda al settimo piano, di cui abbiamo apprezzato molto i dolci, due jacuzzi esterne ed un’elegante sala panoramica a prua.
 
 
Volete vedere qualche ripresa delle due navi della compagnia Hurtigruten, sulle quali siamo saliti noi? Le trovate sul nostro video intitolato “Norvegia fai da te”!
 

MANGIARE A BORDO DI HURTIGRUTEN 

 
Noi avevamo solo la colazione compresa e devo dire che è luculliana. È una colazione continentale con dolce e salato in grandissima quantità e varietà. Può tranquillamente fungere anche da pranzo!
 
Per i pranzi, infatti, noi ce la siamo sempre cavata con un panino o mangiando a terra nelle varie tappe toccate.
Per la cena c’erano 2 opzioni a bordo, la prima ok, la seconda per noi da evitare, con bambini non ne parliamo!
i
1) RISTORANTE AL QUARTO PIANO CON MENÙ DEL GIORNO:
Qualità del cibo: buona.
Velocità e servizio: ottimo.
Prezzo: alto ma in linea con i ristoranti norvegesi.
i
2) RISTORANTE ALL’OTTAVO PIANO A LA CARTE: 
Qualità del cibo: buona.
Velocità e servizio: lentissima, straziante. Non esistono menu o varianti per bambini.
Prezzo: molto alto, assolutamente troppo elevato per la quantità di cibo servita. 
i
Come siamo sopravvissuti a quattro sere senza dissanguarci? Una sera in ciascun ristorante e la prima e l’ultima sera cena in camera a base di tartine al salmone, per noi, e pasta per i bimbi. Cotta come direte voi? Scopritelo leggendo il nostro post sullo svezzamento in viaggio.  
 
 

LE ESCURSIONI CON HURTIGRUTEN 

 
C’è una cosa da sapere subito: le escursioni con il postale Hurtigruten sono terribilmente care! Vero è che tutte le escursioni in Norvegia praticamente lo sono. Dunque che fare? Ci sono cose da vedere meravigliose lungo la tratta del postale dei fiordi quindi se ritenete prenotate alcune escursioni, ma sceglietele accuratamente.
i
Se non pernottate alle Lofoten su queste isole meravigliose potrebbe valere la pena fare un’escursione. Nel tragitto di andata Bergen-Kirkenes, però, tenete presente che le soste alle Lofoten sono in notturna, quindi con le escursioni non vedrete molto.
 
L’unica cosa che vi consigliamo di visitare in questo caso e per conto vostro è il Magic Ice. Esattamente appena scesi dalla nave di fronte a voi troverete questo Museo del ghiaccio, con statue e un vero e proprio ice bar. Una gioia per i bambini, e potrete anche farvi un selfie in versione sirena, oltre che bere un cocktail in un bicchiere di ghiaccio!
 
 
Se viaggiate con bambini al seguito, ho scritto un post specifico su come visitare al meglio un Paese già molto family friendly come sa essere la Norvegia con bambini: non perdetelo!
 
 

POSTALE DEI FIORDI: QUALI FERMATE FARE

 
Le tappe che compie il postale dei fiordi, svolgendo il servizio di posta, sono molte, ma per la maggior parte non si ha abbastanza tempo per scendere, solo 15 minuti circa, e alcune sono in notturna. 
 
Le tappe dove si può sbarcare, compiendo il viaggio da Bergen in direzione Kirkenes, fino a Tromso, sono queste: 
i
 
 
 
  • ALESUND: questa piccola città Art Nouveau sviluppata su di un porto canale merita senz’altro una visita. È assolutamente visitabile fai da te con una passeggiata di circa 15 minuti da dove attracca il postale. Vi consigliamo di non perdere il museo Jugendstil Senteret, che spiega come fu ricostruita la città dopo l’incendio di inizio ‘900. Ospita anche alcune interessanti stampe di Touluse Lautrec, Klimt, etc. È family friendly e offre alcuni filmati interattivi. 
 
  • TRODHENEIM: Semplicemente meravigliosa, vale assolutamente la mezz’ora di strada dal terminal al suo cuore nevralgico. In alternativa ci sono molti taxi a disposizione lungo il percorso. La Nidarus Church è imperdibile. Vi dico solo che data 1030 ed è il più grande edificio sacro di tutta la Scandinavia! Anche qui potete tranquillamente optare per la visita fai da te. 
  • CIRCOLO POLARE ARTICO: No, non è una tappa in cui si può scendere, solo un globo in mezzo al mare e tanti isolotti e coste affioranti,  il tutto visibile alle 5 del mattino. Eppure vedere questo simbolo dall’oblò della cabina – che poi era una signora finestra – è stata un’emozione fortissima. Era la prima volta oltre il circolo per noi e quel puntino in mezzo al nulla ha significato scoperta, avventura, libertà. Non vi dico l’emozione di quel paesaggio brullo e aspro in mezzo ad un cielo che sapeva ancora di blu notte cinque ore dopo, sul ponte della nave alle 10 del mattino…Ci siamo sentiti su un altro mondo! 
 
  • BODO: È la prima tappa in cui si può scendere dopo il circolo polare artico. Scenderete con la luce, verso mezzogiorno, e sarete sorpresi dal buio già per le tre del pomeriggio mentre starete rientrando verso la nave. Si tratta di una passeggiata di circa 20 minuti per il centro. Noi siamo rimasti nella grande via che costeggia il mare per pranzare in un ristorante poco dopo il punto di informazione turistico. Lovolds Kafeteria ha un ottimo rapporto qualità prezzo e vista mare: ve lo consigliamo caldamente! Per arrivare qui incontrerete anche uno strambo locale, con alcune opere di street art al suo esterno molto interessanti.
 
 
In alternativa al pranzo a Bodo potrebbe meritare l’escursione offerta da Hurtigruten verso il Maelstrom di Saltstraumen, considerato il vortice più grande al mondo. 
 
  • ISOLA DI SENJA: ecco il mio post dedicato all’isola di Senja. Qui abbiamo trascorso un giorno e una notte interi e consigliamo caldamente la visita!

 

  • TROMSO: anche questa è una tappa imperdibile, nella quale però secondo noi vale la pena sostare qualche giorno. Per questo la nostra avventura a bordo del postale dei fiordi di Hurtigruten finisce qui!
 

QUANTI GIORNI FERMARVI SU HURTIGRUTEN?

 
Se siete tipi da crociera potreste voler arrivare fino a Kirkenes, il capolinea, e poi fermarvi a Tromso nel viaggio di ritorno, per un totale di circa due settimane di viaggio.
 
Per noi che non siamo tipi da crociera, infatti era la prima volta, 5 giorni sono stati perfetti. Abbastanza per immergersi nell’atmosfera unica di Hurtigruten, e rilassarsi in pieno, ma nemmeno troppi per iniziare a sentirsi un po’ troppo limitati nelle scelte, nelle tappe e nella libertà di movimento. E poi le nostre tasche ci hanno ringraziato per non esserci fermati oltre!!
 
 

CONSIDERAZIONI FINALI SU HURTIGRUTEN IL POSTALE DEI FIORDI

 
In conclusione? Il mio resoconto è stato molto trasparente, sia per gli aspetti positivi che negativi di Hurtigruten, soprattutto economici. Ma come avrete capito lo rifarei, anzi ci tornerei al volo! È un viaggio che ci ha emozionato sempre,  dalla scala mobile del terminal imbarchi a Bergen, ancora prima di salire, all’ultimo gradino sceso a Tromso.
i
È stato bello dormire nella nostra cabina con i letti a castello, vagabondare per la nave insieme ai nostri piccoli grandi viaggiatori entusiasti, fare due chiacchiere con mio marito mentre i bimbi giocavano in sala giochi con i loro amici internazionali, leggere un libro o fare un gioco in scatola nella panoramic lounge del ponte superiore.
 
E poi ancora sfidare il vento sul ponte esterno della nave. Uscire in accappatoio sfidando il freddo per tuffarsi in piscina, ma ancora meglio riscaldarsi in una delle due tonde vasche idromassaggio con acqua bollente scrutando la costa e le stelle in mezzo alle nuvole di un cielo blu, che più blu non si può!
 
 
C’è chi dice che il postale dei fiordi è il modo migliore per osservare la Norvegia. Mi piacerebbe girarla anche in auto per dirvi effettivamente cosa sia meglio. Ora quello che posso sostenere con certezza è che è un viaggio che non può lasciare indifferenti e difficilmente ve ne pentirete!
 
 
 

Non hai tempo ora?  INIZIA ASCOLTANDO IL MIO VIDEO POST!

Finalmente è arrivato anche il video di questo articolo, che è il più apprezzato sul blog!

Hai poco tempo per leggere, ma hai parecchi tempi morti in auto, in treno o a piedi? Pinna o whatsappa questo articolo (o condividine il link sul tuo social preferito) e intanto guarda il nostro video! Vi racconto tutto con la mia voce, ma sotto scorrono le immagini del nostro viaggio sul postale e di due siti molto importanti per pianificare bene il vostro percorso…

[tg_youtube width=”360″ height=”640″ video_id=”NWh8OW34L58″]
 
E per voi è la prima volta in Norvegia? O siete ormai innamorati persi e tornate ogni volta che potete? Raccontatemi tutto nei commenti!
 
 

SE TI E’ PIACIUTO QUESTO ARTICOLO CONDIVIDILO!

 
Shares

33 risposte

  1. Ciao !
    Volevo chiederti una cosa perché non mi è chiara , indicativamente, quanto tempo si ha per visitare ogni tappa?
    Se si ferma 15 minuti o mezz’ora non si vede granché ..
    Tu che tempi avevi ?

    1. Ciao Debora! Allora ci sono piccole fermate di 15, 30 minuti per la consegna della posta, ma in quelle non siamo scesi per ovvi motivi di tempo. Nelle fermate principali che abbiamo visto come Alesund, Trondheim e Bodo abbiamo avuto rispettivamente 3, 6 e 2 ore e mezza di sosta quindi abbiamo avuto il tempo di scoprirne il centro! Solo alle Lofoten per il Magic Ice c’era solo un’ora di tempo ma, trovandosi esattamente di fronte al molo di attracco, abbiamo fatto in tempo a visitarlo!

  2. Ciao Elisa,
    grazie mille per queste preziose informazioni. Io punto la Norvegia per l’estate del 2021, ma il sito norvegese non dà la possibilità di prenotare oltre luglio di quest’anno. Ricordi quanto tempo prima avevi cominciato a monitorare? Inoltre non c’è traccia della nave che avete preso voi, forse perché già piena per il luglio di quest’anno? Ma se aprono le prenotazioni solo sei mesi prima, come si fa?

    1. Ciao Silvana! Voi per quanti giorni volevate viaggiare sul postale? Comunque ho simulato anche io una prenotazione per luglio 2021 sul sito norvegese e, nonostante ti dica che quelle tratte sono prenotabili solo da 6 mesi prima, mi faceva andare avanti fino all’inserimento dei nomi passeggeri per poi andare al riepilogo e pagamento. Prova a verficare così, oppure se non riesci neanche così scrivi un’email a [email protected] . Anche io l’avevo fatto quando non si riusciva più a prenotare sul sito e mi hanno risposto con le tempistiche di riapertura delle vendite e altre info utili! Forse la nostra imbarcazione fa quella rotta solo d’inverno e d’estate segue altre rotte…oppure è in restauro, potresti sempre chiedere a loro 😉

  3. …inoltre qual’e la fermata di capo nord? Nn la trovo nella lista… e come fare per capire quanto tempo la nave si ferma in ogni tappa? Grazie1000

    1. Cara Marta, per Capo Nord si scende a Kirkenes. Nella lista non c’è perché noi ci siamo fermati prima, a Tromso. Una prima idea della durata delle tappe te la puoi fare guardando appunto il sito hurtigruten.no scegliendo l’opzione da porto a porto. E prego 😉

  4. Bellissimo viaggio! Non ho capito come siete tornati indietro a bergen…noi vorremmo arrivare lì in camper e prendere il postale, magari fino a capo nord…ma per evitare il mare anche al ritorno?

  5. Ciao! Complimenti per il tuo blog super interessante, sopratutto per chi ha bimbi! Ho un bimbo di 2 anni e sto programmando di fare lo stesso viaggio. Avrei una domanda: il tuo bimbo di 20 mesi dormiva nel letto a castello (ovviamente quello in basso 🙂 )? Come vi siete organizzati per non farlo cadere? Il mio dorme ancora nel lettino e non vorrei volasse giù durante la notte, immagino che sulla nave non forniscano spondine…
    Grazie mille!
    Francesca

    1. Ciao Francesca e grazie per le tue parole! Per la spondina puoi sempre provare a chiedere, ma non è detto. Mio figlio a casa dormiva già nel letto ma con sponda. Lì lo tenevo dal lato tutto interno del letto con cuscino a fianco e anche uno per terra. Il pavimento comunque ha già la moquette che attutisce…il mio devo dire che non è mai caduto, neanche una sera che si oscillava un pò. Se hai proprio paura oppure vedi che cade potresti dormire con lui dal lato esterno, ma spero tu non ne abbia bisogno! Bellissimo viaggio..;)

  6. Ciao Elisa,

    vorrei chiederti quanto tempo prima della partenza ci si deve imbarcare. Lo chiedo perchè vorremmo iniziare la nostra “crociera” da Tromso e vorrei sfruttare la giornata prima della partenza alle 18:30.

    Grazie,

    Claudio

    1. Allora Claudio non ci hanno dato rigide indicazioni in merito con la prenotazione. Noi siamo saliti qualche ora prima per nostra comodità, ma in molti sono saliti dopo. Vedendo anche alle fermate successive gli bastava arrivassimo 30-15 minuti prima della ripartenza. Considerando che voi avrete il check-in da fare, però, tenete conto mezz’ora/un’ora prima della partenza. Per sicurezza comunque ti consiglio di scrivere a [email protected] …e buon viaggio!!

  7. Mi volevo complimentare per la tua descrizione che fa sognare a chi già sogna di andare.Da fiducia ed è chiarissima.Voglio andare per arrivare a vedere il sole di Mezzanone

    1. Avendo fatto la tratta inversa da Bergen a Tromso in inverno non ti posso dare una risposta certa, ma temo di no. Sicuramente però è una visita offerta nelle escursioni proposte a bordo del postale dei fiordi o anche prima di partire, credo da Alesund. Ti consiglio di scrivere un’email direttamente a [email protected] per chiederglielo!

  8. Ciao Elisa,anch’io ho intenzione di prenotare per il prossimo anno e anch’io , verificando la disponibilità sul sito delle date a me più comode, non ho chiaro quali fermate intermedie sono previste da bergère a tromso, e se si può decidere in autonomia di fermarsi più giorni in alcuni paesi è riprendere lo stesso postale o prenotare direttamente varie tappe con postali diversi. Non è chiaro anche se la prima colazione di cui parli è compresa nel prezzo o concordata a parte.
    Comunque grazie per le informazioni e il racconto che hai dato! Spero di fare anch’io questa esperienza! Ciao

    1. Cara Lucia. Allora da Bergen a Tromso le tappe in cui è possibile scendere (ovvero che durano più di 30 minuti) sono Alesund, Trodheneim, Bodo, due tappe alle Lofoten e Finnsnes (da dove parte il ponte per l’isola di Senja). Se desideri pernottare in una di queste tappe dovrai necessariamente prendere un postale diverso quando vorrai ripartire. Sul sito web dovrai necessariamente fare tante prenotazioni quante sono le tappe con pernottamento che desideri fare. Puoi comunque provare a scrivere un’email per sapere se il loro ufficio booking ti può fare un preventivo ed eventualmente biglietto unico. Noi, prenotando sul sito norvegese, avevamo la colazione inclusa nella tariffa base, non ci compariva nemmeno la tariffa senza colazione! In bocca al lupo e fammi sapere se e come farai questo fantastico viaggio 😉

  9. Riciao Elisa…..allora il nostro sarà un viaggio che parte da Venezia/Praga/Stoccolma/Bergen per il postale Trondheim/Londra/Venezia…..dal 11 al 22 agosto. Per il postale sono andato sul sito da te indicato e per le date che mi interessano partenza 17 da Bergen mi da MsNordnorge con arrivo a Trondheim il 19 mattina. Non conosco nulla della situazione, né tantomeno la tratta, cosa si farà, se si potrà sbarcare, cosa si fa durante il tragitto ecc…..siamo indecisi tra cabina interna ed esterna, tieni conto del fatto che siamo due amici, nessun problema su matrimoniale, anche,meglio se letti singoli però….
    Che dire…se hai consigli e dritte, son qua! Grazie ancora un salutone Daniele

    1. Ma che viaggio vario e per niente banale, wow!! Allora, per le cabine se la differenza non è abissale il fatto di poter guardare dall’oblò il postale che solca le onde è davvero suggestivo! Le cabine esterne standard, non suite o junior suite, dovrebbero essere tutte con letti a castello, quindi letti singoli senza problema. Sicuramente potrete sbarcare e girare un pochino Alesund, unica sosta lunga durante la tratta Bergen-Trondheim. Queste ultime due città sono davvero caratteristiche e da non perdere (nel caso di Bergen vi consiglio anche una puntatina nei dintorni, magari un’escursione in un fiordo!).

  10. Ciao Elisa, ho letto con interesse le tue informazioni… con un amico avevamo intenzione di andare in Norvegia questo agosto…mi sono collegato al sito per prenotare il biglietto per il fiordi con il Postale da te suggerito tragitto da Bergen a Trondheim. Totale per due persone con cabina e colazione sui 350 euro a testa al cambio. Non mi è chiara una cosa però…intendono tratta andata e ritorno o il prezzo si riferisce alla sola andata?….se hai ulteriori consigli da darmi sono assolutamente bene accette….intanto grazie e un salutone a Daniele

    1. Ciao Daniele! Intanto complimenti per la meta scelta 😉 Allora se sei andato sul sito norvegese che ti fa prenotare da tratta a tratta il prezzo è sola andata. Comunque dovresti toglierti ogni dubbio quando, prima di pagare, ti fa il riepilogo di quanti giorni/ore starai a bordo…Per i consigli mi dici esattamente tutto il percorso che farete, anche non sul postale? Anche Tromso e la zona intorno sono molto belle dal punto di vista naturalistico..!

  11. Questo è un viaggio che voglio assolutamente fare! Sogno i fiordi sin da bambina, credo sia giunto il momento di pensarci seriamente 🙂 Grazie per tutte le info dettagliate dell’articolo, mi sarà sicuramente d’aiuto 🙂

  12. Questo viaggio è uno dei nostri più grandi sogni, davvero! Sono anni che ne parliamo, prima o poi vorremmo davvero farlo… Io di recente sono stata a Tromso e mentre l’Hurtigruten era in porto ci sono salita, dato che ho scoperto per caso che si poteva visitare gratuitamente, e niente, mentre passeggiavo sulla nave già mi immaginavo che meraviglia dev’essere fare davvero questo viaggio!

    1. Già Tromso è una meraviglia. E’ un viaggio impegnativo e anche costoso…ma ne vale la pena e come sempre l’attesa rende quel momento in cui finalmente salperai ancora più magico!!

  13. Sto cercando di prenotare adesso la tratta tra Bergen – Trondheim, ma nel periodo che ho a disposizione (Agosto) è tutto pieno!
    Secondo te è possibile che si liberi qualcosa più avanti con i posti non prenotati dalle agenzie?

    1. Non lo escludo, ma mi sembra difficile. Tu hai guardato sul sito hurtigruten.no giusto? Lì c’è la loro email, [email protected], ti consiglio di scrivere a loro per verificare questa ipotesi o chiedere se ci sono altre soluzioni: liste d’attesa, etc. In bocca al lupo e…poi fammi sapere!!

  14. Te lo avevo già detto nel post sull’itinerario, il postale mi affascina molto ma devo ammettere che il costo non è proprio bassissimo! Sarà il caso che mi muova adesso per il 2020 come dici tu! La scelta della nave è azzeccatissima, come resistere, con quel freddo, ad un bel bagno in piscina e all’idromassaggio! Grazie per la trasparenza e le informazioni, tutte utilissime, non vedo l’ora di mettermi alla prova con il norvegese 😂

  15. Sei stata chiarissima nel tuo racconto, molto trasperente su criticità e positività. è l’unico modo per esser davvero utili per gli altri viaggiatori, quindi grazie. c’è poco da fare, il postale è da sempre anche uno dei miei sogni, e sono frenata solo un po’ dagli alti costi, ma sicuramente prima o poi lo realizzerò, ed altrettanto sicuramente ti terrò in considerazione per informazioni e consigli futuri!

    1. Grazie Elena! fa sempre piacere sapere di essere riusciti nell’intento di aiutare gli altri viaggiatori! Ti auguro di trovare il giusto momento e occasione propizia per rendere praticabile questo viaggio da sogno!!

  16. Io purtroppo avevo passato solo una notte sul postale, facendo la tratta da Bergen a Alesund, ma non avevo avuto scelto perché ero in un gruppo più grande per un viaggio di lavoro (avessi scelto io avrei proseguito fino a Kirkenes). Il “nostro” postale era molto più piccolo, e la mia cabina doveva proprio essere quella base, sott’acqua, con un oblò… visto fondale marino. Ma resta comunque una delle esperienze più belle, e prima o poi la rifarò sicuramente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *